Non sei registrato? Registrati subito cliccando QUI! E utilizza tutte le funzionalita' del sito!

Vai in Basso alla Pagina

Passa al contenuto


Bakeca.it Google
  • Ultime dal forum
Per visualizzare le 'Ultime dal forum' devi essere iscritto al forum..

Giusy Ferreri

Lo spazio degli artisti italiani

Giusy Ferreri

Messaggiodi xello » 24/07/2008, 12:55

Immagine


SCHEDA

Nome: Giuseppa Gaetana Ferreri
Data e luogo di nascita: 17 aprile 1979, Palermo
Residente a: Abbiategrasso (MI)
Anni: 29
Altezza: 155 cm
Peso: 48 Kg
Occhi: Castani
Capelli: Neri
Segni particolari: Nessuno.
Cittadinanza: Italiana.
Stato civile: Single
Segno zodiacale: Ariete
Profilo astrologico: Coraggioso sino alla temerarietà, possiede un attivo spirito d'avventura e d'iniziativa. Irrequieto per natura e portato verso ogni genere di attività. Emozionalmente sensibile, ha un carattere focoso e va facilmente in collera.
Cantanti italiani dello stesso segno: Caterina Caselli, Fiorella Mannoia.
Cantanti stranieri dello stesso segno: Aretha Franklin, Celine Dion.

PERSONALITA'

Titolo di studio: Licenza media.
Lavoro: Cassiera part-time in un supermercato.
Lavori televisivi prima di X FACTOR: Nessuno.
Hobby: Scrivere, suonare pianoforte e chitarra, disegnare e fare l'uncinetto.
Sport: Correre, andare in bicicletta e nuotare.
Animali domestici: Nessuno.
Look: Estroverso, appariscente e molto variabile in base agli stati d'animo o ai pezzi da cantare.
Pregi: "Sono una persona solare, espansiva, istintiva, disponibile e carismatica".
Difetti: "Sono molto impulsiva".
Cosa la diverte: "Ballare".
Cosa non sopporta: "Stare in mezzo a tantissima gente".
Sogni nel cassetto: "Diventare una cantautrice e recitare".
Paure: "Ho paura un po' del tempo che passa".
Dice di sé: "Ho una personalità variegata, stravagante e anche difficile da gestire".
Curiosità: "Incuriosisco le persone a causa dei miei continui cambi d'aspetto e d'opinione".
Come si vede tra vent'anni: "Due versioni: artistoide trasandata con una vita solitaria e triste; Artista serena con una tranquillità anche affettiva".

IDENTIKIT MUSICALE

Categoria: 25+
Studi musicali: Giusy ha studiato per tre anni pianoforte, dai 14 ai 17 anni; chitarra da autodidatta; e lezioni di canto saltuarie nel giro di 4 anni.
Lavori musicali: In giro con cover band in diversi locali e l'incisione di un singolo nel 2005.
Musica preferita: Blues, rock, psichedelica e New Wave.
Mito ispiratore: Linda Perry dei Four no blondes, Janis Joplin, Fiona Apple e Mia Martini.
Canzone portata al provino: "Rehab" di Amy Winhouse, "La lontananza" di Domenico Modugno, "Con una rosa" di Vinicio Capossela e "Mercedes Benz" di Janis Joplin.
Cavalli di battaglia: "What's up" dei Four no blondes e pezzi standard blues e jazz.
Il suo I-Pod: Alanis Morisette, The Doors, Led Zeppelin…un po' di tutto.
Come ha conosciuto X FACTOR: "Tramite degli amici".
Partecipa a X FACTOR perché: "Per continuare a fare la cantautrice ed eseguire brani di altri cantanti".
Il voto che si dà come cantante: 9
Il voto che si dà come concorrente di X FACTOR: 8
Ultima cosa fatta prima di partire: "Non mi ricordo più".
Prima cosa da fare al ritorno: "Un bel bagno".

IN-FACTOR: New entry alla settima puntata. Si classifica al secondo posto, dietro i vincitori "Aram Quartet".

Fonte: Xfactor

Il sito di Giusy Ferreri:

http://www.giusyferreri.com/

Il fan club:

http://www.giusyferreri.it/

Il myspace:

http://profile.myspace.com/index.cfm?fuseaction=user.viewprofile&friendID=181849001
Avatar utente
xello
Amministratore
 
Messaggi: 2580
Iscritto il: 05/06/2008, 15:26
Località: Napoli


Re: Giusy Ferreri

Messaggiodi xello » 24/07/2008, 13:00

I record di Giusy:

- poche ore dopo la finale di X Factor, Giusy era al 1° posto della classifica dei singoli più scaricati su iTunes con la cover "Remedios"
- dopo una settimana dalla sua pubblicazione, "Non ti scordar Mai di Me " è entrato direttamente al 1° posto della classifica digitale Fimi Nielsen risultando il singolo più scaricato da internet.
- il CD-EP uscito il 27 giugno era già Disco d’Oro per le oltre 40.000 copie prenotate
- il 7 luglio il CD entra direttamente al 1° posto degli album più venduti, caso più unico che raro trattandosi di un artista esordiente e ancor più eclatante se si considera che ha superato artisti quali Codplay e Ligabue.
- il 14 luglio conquista il Platino per le oltre 70.000 copie vendute; il 21 luglio si conferma al 1° posto degli album più venduti per la terza settimana consecutiva con quasi 100.000 copie vendute
- il singolo, l’11 luglio, scala ben undici posizioni nella classifica dei brani più trasmessi dalle radio italiane ponendosi al 2° posto e il 18 luglio conquista la 1° posizione sempre secondo i rilevamenti di Music Control
- la versione digitale del cd e singolo occupano da settimane le primissime posizioni delle classifiche dei download su iTunes
- infine il video del singolo è in altissima rotazione sulle emittenti musicali.

fonte: Fasciaprotetta
Avatar utente
xello
Amministratore
 
Messaggi: 2580
Iscritto il: 05/06/2008, 15:26
Località: Napoli


Re: Giusy Ferreri

Messaggiodi xello » 24/07/2008, 13:04

Cosa pensano gli altri cantanti di Giusy?

Il cd di Giusy Ferreri - seconda classificata a X Factor - Non ti scordar mai di me è Disco di platino con oltre 70 mila copie vendute ed è al 1° posto della classifica degli album in Italia. Lei faceva la cassiera all'Esselunga di Corbetta, a pochi chilometri di Milano, e lì è tornata nei giorni scorsi per presentare il suo singolo e firmare gli autografi a 200 fans accorsi lì solo per vederla.
"Non paragonatemi a Amy Winehouse - ci tiene a sottolineare in una intervista a Libero - La colpa è del singolo. Effettivamente il genere è quello, un soul anni Sessanta drammatico ed intenso. Ma le cose in comune tra me e lei finiscono qui. Ci ispiriamo tutte e due alle grandi voci di Besse Smith e Billie Holiday. Io però ci metto le radici blues e rock: ho adorato Janis Joplin, Linda Perry, la new wave".
Il suo sogno è di realizzare un album ad ottobre con canzoni "sue": "Qualcosa che ricordi la Consoli, Max Gazzè, Marlene Kuntz. E magari interpretare Yesterday della Holiday o She's lost control dei Joy Division. Così tutti capiranno che non sono solo un'altra copia di Amy Winehouse". Tra i desideri anche la partecipazione al prossimo Festival di Sanremo.
Tv Sorrisi & Canzoni ha chiesto ad alcuni esperti di esprimere un giudizio sulla 29enne di Abbiategrasso. Ecco cosa dicono.

Claudio Cecchetto (produttore): "Siamo sempre alla ricerca di cose diverse da quelle che abbiamo ascoltato finora e Giusy risponde a questo bisogno: ha una voce particolare. Non sono d'accordo che sia la versione italiana di Amy Winehouse, perché nel paragone Giusy ne diventerebbe la parodia. Inoltre sono contento che sia stata scoperta con X Factor, un programma che ha portato la musica in tv, sdoganandola come prodotto televisivo".

Michele Fischietti (voice coach di Giusy a X Factor): "Lei è dotata di una grande sensibilità musicale. Io ho cercato di esaltare le sue peculiarità vocali. Ma è già un talento naturale, ha carisma e ha avuto l'opportunità di interpretare la canzone di Tiziano Ferro, che fa la differenza".

Ivan Cattaneo (cantante): "Secondo me è una delle cantanti più interessanti del momento, è un personaggio Anni 60 come Nada, Caterina Caselli, Rita Pavone, Patty Pravo. È una donna di carattere, grintosa. Però non ha ancora un'immagine definita e dirompente. Secondo me, va amplificato l'istinto che Giusy ha".

Mario Lavezzi (produttore): "Alla base del suo successo ci sono la sua voce e la canzone di Ferro: Giusy ha una voce personale e originale, anche la canzone lo è. Il suo successo mi ricorda quello di Malo, cantata dalla spagnola Bebe nel 2006. Non sono d'accordo con i detrattori che dicono che Giusy abbia una voce nasale e che canta tutto allo stesso modo. Ha un suo stile: è grintosa e ha grande personalità".

Mietta (cantante): "A me Giusy piace moltissimo per due motivi. Il primo è personale: mi ricorda una mia cugina a cui ero molto legata e che non c'è più, la somiglianza è impressionante. La seconda è che ho una grande passione per le vocalità femminili e lei ha una timbrica subito riconoscibile. Ho letto che l'hanno definita la nostra Amy Winehouse: in realtà ha una sua vocalità e personalità, ma in Italia tendiamo sempre a mettere etichette".

Adriano Aragozzini (impresario musicale): "È il pubblico che decreta il successo. Il giudizio della critica non conta. È un'artista assolutamente originale, non c'è dubbio. Mi piace: è differente dal piattume che c'è in giro".

Francesco Facchinetti
(conduttore): "Quando l'ho vista per la prima volta a X Factor mi ha subito incuriosito. Giusy è fuori dagli schemi: è la stessa sia sul palco che giù dal palco. È un'artista vera, al di là della sua tonalità di voce che la rende particolare. Ha una fortissima personalità che è arrivata subito al pubblico".

Mogol (autore): "E chi è? Non so chi sia, non la conosco".

Fonte: Realityshow
Avatar utente
xello
Amministratore
 
Messaggi: 2580
Iscritto il: 05/06/2008, 15:26
Località: Napoli


Re: Giusy Ferreri

Messaggiodi xello » 24/07/2008, 14:28

Album "Non ti scordar mai di me"

1) Non ti scordar mai di me



2) Remedios



3) Che cosa c'è



4) La bambola



5) Ma che freddo fa



6) Insieme a te non ci sto più

Avatar utente
xello
Amministratore
 
Messaggi: 2580
Iscritto il: 05/06/2008, 15:26
Località: Napoli


Re: Giusy Ferreri

Messaggiodi xello » 07/09/2008, 21:18

IL 14 NOVEMBRE ESCE IL PRIMO ALBUM DI INEDITI DI GIUSY FERRERI

Immagine


Giusy: "Io, l'ex cassiera lanciata da X-Factor"Continua il momento d'oro per Giusy Ferreri. Critica e pubblico la definiscono la regina dell'estate. Da 10 settimane è in vetta a tutte le classifiche (dal Music Control ancora al vertice dei brani più trasmessi dalle radio) e continua a cantare in giro per l'Italia. Ieri sera era a Trento, ospite di Radio italia per Note italiane nel mondo dove ha chiuso il concerto con la sua hit Non ti scordar mai di me. E proprio ieri sera, di fronte a un pubblico di 10 mila persone, Giusy ha rivelato la data d'uscita del suo primo album di inediti: venerdì 14 novembre. L'album è stato realizzato in collaborazione con Tiziano Ferro e già nei primi giorni di ottobre dovrebbe essere lanciato il singolo apripista. In attesa di scoprire le sorprese del nuovo lavoro, i lettori di FP hanno espresso il loro parere (qui il post con relativo sondaggio): per l'85% dei votanti il singolo di Giusy Ferreri è il tormentone estivo del 2008. A conferma del talento e del successo della cantante lanciata da X factor.

Nel frattempo Giusy ha un'agenda davvero ricca di impegni. Domani sarà ospite alla prima puntata di Scalo 76 Cargo (ore 14, Rai2) e poi a Trl Genova (alle 15, Mtv). Martedì sera sarà l'ospite d'eccezione a Miss Italia su Rai1. Il 18 settembre terrà un concerto al Gay village di Roma. Voci di corridoio, la danno ospite anche alla prima puntata di Quelli che il calcio, domenica prossima su Rai2, dove ritroverebbe la sua tutor Simona Ventura.

Fonte: Fasciaprotetta
Avatar utente
xello
Amministratore
 
Messaggi: 2580
Iscritto il: 05/06/2008, 15:26
Località: Napoli


Re: Giusy Ferreri

Messaggiodi xello » 16/09/2008, 13:31

INTERVISTA A GIUSY FERRERI

Immagine


Pronunciate, rapidi, ad alta voce: "A-a-a". Avete appena riso con Giusy Ferreri. Il pomeriggio che passo con lei nel suo monolocale con giardino ad Abbiategrasso, Milano - quattro pareti dipinte ognuna di un colore diverso, le piastrelle del bagno decorate, la cucina verde, il divanolabbra, il pianoforte nero -, è punteggiato da parecchie di quelle "a". Le stesse "a", staccate, forti e chiare, c'erano tra un verso e l'altro delle cover che fino a due mesi fa cantava a X Factor, il talent show che l'ha lanciata (e anche per questo vezzo è stata etichettata in Tv come la "nuova Amy Winehouse"), e si sentono oggi nel disco che è primo in classifica da quattro settimane, davanti a Madonna e ai Coldplay.

Il singolo scritto per lei da Tiziano Ferro, Non ti scordar mai di me, che Giusy ha cantato in finale, il giorno dopo era già in rotazione su tutte le radio e la ragazza si è trovata a dover gestire una fama inattesa: i giornali e le radio volevano intervistarla, tutta Italia la voleva in concerto, tra la gente.

In questi due mesi, Giusy ha notato che spesso nelle interviste le mettono in bocca errori di grammatica. E pensare che lei è molto attenta alle parole. Prima di rispondere riflette, fa una pausa, e cerca sempre di trovare il termine esatto che descriva precisamente quello che vuole dire.

Nella libreria del salotto sbucano due libri: Parlare in pubblico e La frase giusta al momento giusto. Giusy ne parla con un certo orgoglio: "Sono libri a cui sono molto affezionata. Mi sono serviti in un periodo buio della mia vita, insieme alla Bibbia (appoggiata sul mobile Tv, ndr): la consulto spesso, perché la posso aprire a caso e trovo sempre le risposte".

Di questo 'periodo buio', però, non ha mai parlato. Perché? "La stampa si è concentrata su due aspetti: 'ex cassiera' e 'figlia di immigrati'. Certo, sono nata a Palermo, ma 'figlia di immigrati' è un'espressione enfatica, usata male, per accentuare la favola della povera sprovveduta che diventa famosa. E a questo punto mi faccio una domanda".

Dica. "Nessuno nasce con un contratto discografico nella culla, no? Per fare la mia musica dovevo pure mantenermi con un lavoro, non ho avuto il privilegio di poter suonare e basta. È così strano che facessi la cassiera? Sa quanti laureati e studenti sono impiegati in un supermercato?".

Immagino. "Quel posto è stato una scelta: era uno dei pochi che mi permettesse di lavorare tre giorni su sette, quindi mi lasciava tempo per comporre le mie canzoni, studiare canto e pianoforte. A me fare carriera non interessava, eppure di promozioni me ne hanno offerte, in dieci anni di lavoro".

Forse il fatto del lavoro di cassiera è venuto molto fuori anche perché il proprietario di Esselunga, Bernardo Caprotti, le ha pubblicamente fatto i complimenti dopo la vittoria. "Il dottor Caprotti mi ha mandato dello champagne, mi ha telefonato e mi ha scritto, a mano, anche una bellissima lettera: si capiva che era sincero, che mi aveva seguito in Tv e che gli piacevo. Ha descritto la mia voce con aggettivi bellissimi".

Qualcuno direbbe che è solo un modo facile per farsi pubblicità. "Se anche fosse, non ci troverei nulla di male. E sono andata volentieri in negozio a firmare autografi. Se in questi dieci anni sono cresciuta, l'ho fatto anche grazie ai rapporti nati sul posto di lavoro".

Che cosa ha pensato quando ha letto la notizia di quella cassiera che si è fatta la pipì addosso perché non le lasciavano fare pausa? "Non ho mai avuto problemi di quel genere. Ma certo mi ha colpito". È vero o è leggenda che lei cantava all'interfono tutti i giorni? "Solo appena assunta, a 19 anni. Alla chiusura intonavo qualcosa perché i colleghi, che sapevano della mia attività musicale, mi dicevano: 'Vediamo di che cosa sei capace'. Mi divertivo, ma poi ho smesso. Non volevo banalizzare il mio sogno, farlo diventare una cosa da 'dopolavoro'".

Qual era, all'epoca, il suo stile di canto? Parliamo di dieci anni fa, quando Amy Winehouse era solo una bambina e nessuno ne aveva ancora sentito parlare. «Ho sempre usato stili diversi. Capisco il paragone con Duffy o Amy Winehouse, ma più che al mio modo di cantare è dovuto ai travestimenti, o agli arrangiamenti rétro dei pezzi. La mia voce è cresciuta piuttosto con il blues di Billie Holiday e Janis Joplin, il rock di P.J. Harvey e Fiona Apple, il dark punk di Siouxsie Sioux, o le metriche scomposte di Vinicio Capossela".

Quindi è stata una scelta degli autori di X Factor quella di farla "assomigliare" ad Amy Winehouse? "Il programma prevedeva che ci mettessimo a disposizione. Sono stata al gioco. Se avessi scelto io il repertorio, mi sarei presentata con tutt'altri pezzi". Tipo? "Avrei cantato Because the Night di Patti Smith, o You Oughta Know di Alanis Morissette. Mi piacciono i pezzi aggressivi, ma anche quelli paranoici, introspettivi. E amo passare dalle urla ai toni malinconici più blues, dove canto 'a singhiozzo'".

Un po' distante, il suo mondo musicale, da quello di Tiziano Ferro. "Molto. E infatti non avrei mai pensato che un artista come lui potesse avvicinare una personalità come la mia. Ma la canzone è molto vicina alla Giusy del programma, quella che lui aveva visto. In finale era previsto che presentassimo un pezzo inedito ed era evidente che, tra i miei, non ce n'era uno che si prestasse all'immagine della Giusy televisiva. Mi hanno detto che poteva essere un trauma per il pubblico".

Chi è 'la Giusy televisiva'? "Mi sono stupita io stessa di aver mostrato una versione di me serena e solare. Si è visto solo un quarto della mia personalità. Ma mi è andata benissimo così: gli altri tre quarti non servivano per il programma". La vera Giusy chi è? "Una ragazza solitaria, riflessiva, paranoica, problematica, volubile. Si vede anche molto da come mi vesto: se sono positiva indosso un abitino a fiori. Ma se vado a ballare con gli amici a una serata dark, sono irriconoscibile". Mi apre il suo armadio: decine di abiti colorati, di tutti i tessuti e le fantasie, pellicce fluorescenti, boa, vestiti a rete, stivali, sandali, tacchi altissimi, zeppe.

Su Internet girano delle sue foto sexy, diverse da quelle che siamo abituati a vedere. "Le ho fatte con un amico, anni fa. Adoro il look trasgressivo di Madonna o di Pink, Christina Aguilera, Juliette Lewis, Courtney Love. Anche io volevo mostrare questa parte di me, quindi mi vestivo con la tutina, le catene e le zeppe altissime oppure la vestaglietta, la guêpière. Insomma, ho molte sfaccettature: il mio lato oscuro non è ancora venuto fuori". E non si riferisce solo al guardaroba. "Infatti. Sto parlando del periodo buio di cui le dicevo prima. Ha influenzato pesantemente le mie canzoni, quelle che non avete ancora ascoltato, e che inserirò nel nuovo disco".

Di che cosa parlano queste canzoni? "Di rapporti sentimentali che mi hanno fatto soffrire. Un dolore raccontato in modo molto più arrabbiato, e molto meno romantico, che in Non ti scordar mai di me. Ho avuto storie tragiche".

Quali storie? "Due amori lunghi e importanti, di crescita, finiti male per colpa mia, perché è difficile starmi accanto, sono davvero paranoica, posso fare impazzire un uomo. Ma i testi non parlano solo di pene d'amore. Ci sono anche quelli più cerebrali, introspettivi, su di me, e sul forte disagio che ho provato verso i 23, 24 anni".

Che tipo di disagio? "Il disagio che molti provano a quell'età, un momento critico di evoluzione di cui nessuno parla. Senti che la vita cambia, che devi crearti una posizione, che devi dare agli altri un'immagine di te. Ci si concentra sempre sui problemi dell'adolescenza, si dà per scontato che, passata quella, le inquietudini si risolvano. Invece c'è un periodo di estrema incertezza che arriva proprio a quel punto. Un paio di generazioni fa, forse, tutto era più chiaro: a quell'età si era già sposati e con figli. Oggi a 24 anni o sei uno studente universitario incerto del suo futuro, o sei uno che lavora già da anni perché magari non ha studiato, e che, se non vede concretizzarsi i sogni, si sente perduto".

Oppure sei Amy Winehouse. "Già, lei ha proprio 24 anni: è sicuramente in quella fase difficilissima. In più ha raggiunto il successo molto giovane e sarà senz'altro sballottata".

Lei invece chi era a quell'età? "Una ragazza cupa, dura. Finite le medie avevo lasciato la scuola e mi ero messa a studiare pianoforte e canto. Dopo due anni ci avevo ripensato e mi ero iscritta al liceo linguistico: mi mancava il confronto con i ragazzi della mia età. Ed era stata un'esperienza bellissima, ma poi al terzo anno, vedendo che i miei coetanei prendevano la maturità, avevo mollato di nuovo. Volevo iniziare a lavorare per poter andare a vivere da sola, dedicarmi alla musica. Inizialmente avevo pensato che il lavoro di cassiera part-time mi avrebbe permesso anche di riprendere il liceo. Ma, si sa, è difficile lavorare e studiare insieme.

Così mi sono trovata, a 24 anni, senza aver terminato gli studi, e con una gavetta musicale che non sembrava portare a nulla. Iniziavo a dubitare di me stessa, la mia autostima era sotto zero. La mia crisi adolescenziale, per cui ero anche andata in cura da uno psicologo, in confronto era stata una passeggiata. Mi chiedevo perché non sfondavo. Era perché non ero brava? O perché non sapevo rapportarmi con le persone, perché la mia personalità non veniva capita?".

Come ne è uscita? "Da sola. Ho letto tantissimi libri di psicologia e sociologia, soprattutto Erich Fromm. Se a scuola mi fossi impegnata di più, mi sarebbe piaciuto studiare psicologia. Ma ci vuole costanza, io invece mi innamoro di tante cose: non mi può venire tutto bene".

Quando aveva 26 anni ha girato un video malizioso, Il party. All'epoca si faceva chiamare Gaetana. «Con Il party ho voluto scherzare. Il ritmo dance e i doppi sensi del testo erano un modo per dimostrare che non ero solo la ragazza cupa dai pezzi introspettivi, che mi sapevo anche divertire. Mi sono fatta chiamare Gaetana, che è il mio secondo nome, proprio per creare un personaggio. Per me era un gioco, invece le case discografiche lo hanno preso sul serio, e ho firmato il mio primo contratto. Volevo uscire prima con le mie canzoni e poi con quel singolo, invece i discografici sostenevano che Il party dovesse essere il mio debutto, perché poteva arrivare a molta gente. In realtà poi le radio non l'hanno passato e ha avuto vita breve".

Sarà stata una delusione. "In realtà ero un po' sollevata, perché quel progetto non mi aveva mai convinto. Però c'era anche la preoccupazione, certo. Temevo di essermi bruciata, sarebbe stato difficile avere una seconda possibilità. La casa discografica non ha gradito il mio secondo singolo, che veniva dal mio repertorio, e a gennaio 2006 è scaduto il contratto. Mi dicevano tutti: hai un'interessantissima vocalità, ma bisogna aspettare il momento giusto per farti capire dalla gente".

Quindi ha giocato la carta della Tv. "Volevo visibilità: mi bastava cantare un paio di sere per farmi ricordare dalla gente". Il problema però è solo rimandato. Lei piace al pubblico quando canta le cover e Non ti scordar mai di me: non ha paura del momento in cui proporrà i suoi pezzi? "Non sono spaventata. In quelle canzoni c'è tanta verità che mi appartiene: magari perderò un po' di pubblico, quelli a cui piaccio per il tormentone. Però chi mi vorrà seguire scoprirà davvero chi sono".

Come sta vivendo il successo? "Sono felice, ma fisicamente sfatta. Non ho mai preso così tanti aerei in vita mia, e poi mi alimento male. Io di solito mangio a pranzo i carboidrati e le proteine la sera: è una regola semplice che mi autoimpongo da anni, e funziona. Ho un buon rapporto con il mio corpo, ma sto attenta perché, essendo piccolina, se sgarro si vede subito".

Che cosa le manca della sua vita precedente? "La solitudine: sono sempre con qualcuno, e invece ho bisogno dei miei spazi per meditare, suonare, scrivere". Pensavo avrebbe detto che le manca il tempo per Andrea, il 'suo amore', come si legge nei ringraziamenti del disco. "Lui è straordinario, ma ci sono difficoltà perché ho poco tempo libero. E anche quando ce l'ho, è dura. Devo vedere tutti, i parenti, gli amici, e alla fine ci si contende il tempo".

Avrà sicuramente qualcuno che le consiglia come muoversi. "Ascolto tutti, ma poi decido con la mia testa. Non mi fido di quelli che ti vogliono dare suggerimenti a tutti i costi, soprattutto se ti hanno appena conosciuta. Penso che le cose vadano come devono andare". Già abbastanza disillusa. "Sono una figlia della 'casta': credo che niente possa cambiare, che ognuno tiri l'acqua al suo mulino. Non trova? A-a-a".

Fonte: Vitadavips
Avatar utente
xello
Amministratore
 
Messaggi: 2580
Iscritto il: 05/06/2008, 15:26
Località: Napoli


Re: Giusy Ferreri

Messaggiodi xello » 06/10/2008, 16:25

Ferro presenta la nuova Giusy
Il disco "Gaetana" esce il 14 novembre


Immagine


"E tu parlavi senza dire niente/ cercavo invano di addolcire quel retrogusto amaro di una preannunciata fine". C'è l'amore tormentato in "Novembre" (scritto da Roberto Casalino), il nuovo singolo di Giusy nelle radio dal 17 ottobre, che anticipa il cd "Gaetana" nei negozi dal 14 novembre. A presentare il progetto su Tv Sorrisi e Canzoni Tiziano Ferro che di lei dice: "Incarna alla perfezione la sensualità italiana. Per questo all'estero piacerà".

Tiziano Ferro e la Ferreri, regina delle hit estive e vincitrice morale di X Factor, lavorano insieme da diversi mesi e si sono fatti intervistare e fotografare insieme per Tv Sorrisi e Canzoni. "Ho fatto sentire il suo singolo a un mio amico dj spagnolo e ne è rimasto davvero colpito", dice Ferro che alla sua pupilla ha donato anche quattro brani inediti e un duetto. Inoltre nella tracklist ci sono brani scritti da Linda Perry dei Four Non Blondes. "Sono sicuro che anche oltre confine farà impazzire tutti. E in quanti ci proveranno, con lei...", prosegue Ferro. Che aggiunge: "Tra me e Giusy è scattato qualcosa di chimico. Non si può crearlo, o c'è o non c'è. Il fatto, poi, è che le nostre storie hanno molti punti di contatto. Ci siamo dovuti conquistare tutto da soli, per questo non insceniamo i capricci di certe star. Se l'acqua in camerino non è fresca, fa lo stesso. E se non c'è il nostro sushi preferito, pazienza".

Il disco di Tiziano "Alla mia età", trainato dal singolo omonimo nelle radio già da venerdì scorso, uscirà il 7 novembre. Quello di Giusy esattamente una settimana dopo. Ansia da hit parade? "L'ho messo in conto - dice Tiziano - e giuro che non mi dispiacerebbe essere superato in classifica. In fondo nel suo disco c'è un pezzo di me. Tre delle canzoni che ho scritto per Giusy le avrei inserite nel mio disco se non le avessi date a lei". Giusy mette le mani avanti su un ipotetico flop del disco: "Non sarebbe un problema. Con 'Non ti scordar mai di me' ho avuto molto più successo di quanto avrei mai sperato. Io penso alla musica, non m'interessa piacere a tutti". Intanto il dieci ottobre Giusy volerà a Parigi per le riprese del suo nuovo video.

Fonte: Tgcom
Avatar utente
xello
Amministratore
 
Messaggi: 2580
Iscritto il: 05/06/2008, 15:26
Località: Napoli


Re: Giusy Ferreri

Messaggiodi xello » 14/10/2008, 13:50

DA VENERDI' IN RADIO E DOMENICA OSPITE DI SIMONA VENTURA

Immagine


L'attesa è quasi finita. Tra pochi giorni arriva in radio il nuovo singolo di Giusy Ferreri dal titolo Novembre, che anticipa l'uscita del primo album di inediti, prevista per il 14 novembre. Il brano, scritto (musica e parole) da Roberto Casalino, che con Tiziano Ferro ha firmato il tormentone Non ti scordar mai di me, debutterà in radio venerdì. Le riprese del video di Novembre sono terminate la settimana scorsa. Giusy domenica prossima sarà ospite a Quelli che il calcio dalla sua tutor Simona Ventura dove presenterà in anteprima il suo nuovo singolo. A seguire il testo di Novembre:

Ho difeso le mie scelte io ho
creduto nelle attese io ho
saputo dire spesso di no
con te non ci riuscivo.

Ho indossato le catene io ho
i segni delle pene lo so
che non volendo ricorderò
quel pugno nello stomaco.

A novembre
la città si spense in un istante
tu dicevi basta e io rimanevo inerme
il tuo ego è stato sempre più forte
di ogni mia convinzione.

A novembre
la città si accende in un istante
il mio corpo non si veste più di voglie
e tu non sembri neanche più così forte
come ti credevo un anno fa
novembre.

Ho dato fiducia al buio ma ora sto
in piena luce e in bilico tra estranei
che mi contendono la voglia di rinascere
A novembre
la città si spense in un istante
tu dicevi basta e io rimasi inerme
il tuo ego è stato sempre più forte
di ogni mia convinzione.

A novembre
la città si accende in un istante
il mio corpo non si veste più di voglie
e tu non sembri neanche più così forte
come ti credevo un anno fa
novembre.
E tu parlavi senza dire niente
cercavo invano di addolcire quel retrogusto amaro
di una preannunciata fine

(via Giusyferreri.com)
Avatar utente
xello
Amministratore
 
Messaggi: 2580
Iscritto il: 05/06/2008, 15:26
Località: Napoli


Re: Giusy Ferreri

Messaggiodi xello » 17/10/2008, 0:06

NOVEMBRE, NUOVO SINGOLO DI GIUSY FERRERI

Puoi ascoltarlo qui:

Avatar utente
xello
Amministratore
 
Messaggi: 2580
Iscritto il: 05/06/2008, 15:26
Località: Napoli


Re: Giusy Ferreri

Messaggiodi xello » 17/10/2008, 21:07

NOVEMBRE IL SINGOLO PIU' SCARICATO


Sono bastate poche ore a Giusy Ferreri per tornare in vetta. Il suo nuovo singolo Novembre è balzato subito al primo posto della classifica dei downloads su I tunes. Se Giusy è al primo posto della classifica, il suo produttore Tiziano Ferro è al secondo posto con Alla mia età. Da segnalare Womanizer di Britney Spears all'undicesimo posto. Come se non bastasse il primo posto, Giusy è in classifica anche con la hit Non ti scordar mai di me ad un ottima 26° posizione. L'album più scaricato è di Vinicio Capossela.

Fonte: Fasciaprotetta


Avatar utente
xello
Amministratore
 
Messaggi: 2580
Iscritto il: 05/06/2008, 15:26
Località: Napoli


Prossimo

Torna a Indice

Torna a Artisti italiani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


forum, portale, soundtrack, hotnews, hot news, notizie, videogiochi, ps3, xbox, shop, compra, prezzi, gossip, rss, calcio, mondo, lavoro, musica, calciomercato, voti fantacalcio, probabili formazioni
Top