Hot-News.it

il portale hot con notizie da tutto il mondo!

Scegli Lingua : Hot-News.it in italiano Hot-News.it in inglese Hot-News.it in spagnolo Hot-News.it in francese Hot-News.it in tedesco Hot-News.it in giapponese Hot-News.it in arabo
Login With Facebook
Giovedi
Nov 21
Messaggio
Hot-News.it Calcio Serie A Guida alla 26° giornata di serie A
26
Feb
2010

Guida alla 26° giornata di serie A




Nella settimana in cui il Milan si riavvicina a -4 l'Inter cerca risposte nel difficile campo di Udine; in un incrocio ad altissima quota si sfidano Juve - Palermo e Napoli – Roma; scontro da brividi in coda tra Livorno e Siena

Le polemiche arbitrali sono sempre state e sempre saranno al centro del nostro modo di vivere ed intendere il calcio e questa settimana è stata emblematica in tal senso. Abbiamo iniziato col plateale gesto di Mourinho nel corso di Inter - Sampdoria, col quale il tecnico portoghese intendeva (molto maldestramente) protestare contro le espulsioni giustamente comminate dall'arbitro a Samuel e Cordoba e abbiamo concluso con l'amaro sfogo del presidente fiorentino Della Valle che minacciava di farsi sentire nelle giuste sedi in seguito al clamoroso fallo di Thiago Silva su Montolivo in piena area di rigore, non sanzionato dall'arbitro Rosetti nei concitati minuti finali di Fiorentina - Milan. Guida alla 26_a Giornata di Serie AOgni campionato è caratterizzato da un altissimo picco di tensione nei confronti dei nostri fischietti e quest'ultimo non fa certo la differenza, anche se fa onestamente riflettere la violenta presa di posizione dell'Inter e le non poco palesi allusioni a presunti intralci nei suoi confronti in modo da favorire la rimonta delle inseguitrici: in questi ultimi anni ritengo che gli errori arbitrali (umanissimi) abbiano più favorito che ostacolato i campioni d'Italia, quindi sarebbe il caso di rasserenare gli animi senza dare adito a pericolose riflessioni che rischiano, fra l'altro, di aumentare la tensione tra tifoserie rivali. Una maggiore assunzione di responsabilità da parte di certi dirigenti, dunque, sarebbe cosa saggia: speriamo che chi di dovere capisca.

L'Inter ha dunque un solo imperativo a Udine: vincere, per ritrovare i tre punti dopo tre pareggi consecutivi e per provare a smorzare il sempre crescente entusiasmo di Milan e Roma ormai alle calcagna. Come già ribadito il mero dato numerico ridà fiato e speranze alle inseguitrici, ma l'impressione è sempre e comunque quella che i campioni d'Italia in carica abbiano una dote di solidità, continuità e cattiveria agonistica che rossoneri e giallorossi ancora non posseggono e che in un campionato lungo e irto di ostacoli come il nostro rappresentano dei valori imprescindibili; nel lungo periodo, insomma, la squadra allenata da Mourinho non dovrebbe avere problemi, vista anche l'ampiezza e la qualità della rosa a disposizione del tecnico portoghese, ma se si ragiona nell'immediatezza è evidente come la trasferta di Udine sia insidiosissima per due motivi: primo, le squalifiche privano i nerazzurri di due difensori centrali di gran qualità come Samuel e Cordoba (Materazzi sarà costretto a scendere in campo pur se in non perfette condizioni fisiche), secondo l'Udinese ha ritrovato l'entusiasmo dopo la vittoria nel turno infrasettimanale col Cagliari e soprattutto il suo condottiero Pasquale Marino, profeta siciliano di un calcio spumeggiante e offensivo che era stato inspiegabilmente esonerato dalla miope dirigenza friulana per lasciar posto all'imbarazzante De Biasi. Il pronostico, quindi, tende dalla parte dei nerazzurri, ma occhio all'estro del trio d'attacco Sanchez – Di Natale – Floro Flores, un mix di velocità, tecnica, fantasia ed imprevedibilità che può mettere in difficoltà i marcantoni Lucio e Materazzi.

Il Milan ha dal canto suo una ghiotta opportunità di proseguire la rincorsa sui cugini ospitando in casa un'Atalanta sempre più in difficoltà in classifica; lo stop interno degli orobici contro il Chievo non suona ancora come una condanna per gli uomini di Mutti, ma di certo complica maledettamente le cose: i rossoneri di Leonardo sembrano, alla luce dei fatti, una montagna proibitiva da scalare, alla luce della strepitosa forma di Abbiati e della ritrovata verve di un campioncino come Pato.

Il match-clou della giornata va in scena però al San Paolo di Napoli dove gli azzurri locali reduci da due pareggi (contro la prima e l'ultima della classe) ospitano una Roma in grandissima crescita in campionato, ma ferita dalla clamorosa eliminazione patita nei sedicesimi di finale di Europa League per mano del non imprescindibile Panathinaikos: solidità e cattiveria appunto, due delle doti più importanti dell'Inter campione, mancano ancora ai giallorossi e la riprova si è avuta in Coppa dove una qualificazione ormai sicura è stata buttata al vento per sei minuti di totale sbando in cui De Rossi e compagni hanno concesso agli ateniesi la possibilità di segnare tre (!) reti chiudendo così il discorso qualificazione. Questi cali di tensione non sono ovviamente concessi a Napoli, per una partita sostanzialmente equilibrata nella quale potrebbe essere decisivo il fattore campo; il San Paolo sarà una bolgia, l'ambiente ideale per esaltare le qualità di funamboli come Quagliarella e Hamsik (in odore di rinnovo contrattuale): servirà dunque la migliore Roma, quella capace di dominare a centrocampo con le geometrie di Pizarro e la tecnica di De Rossi, con la speranza che l'alterno Vucinic sia in giornata si, vista la perdurante assenza di Toni e Totti.

Si respira aria di Champions League anche a Torino, dove la Juventus di Zaccheroni, ancora imbattuta sotto la nuova gestione (due vittorie e due pareggi in campionato, più il passaggio agli ottavi di Europa League) affronta il gagliardo Palermo di Delio Rossi, quinto in classifica con un punto in meno rispetto ai bianconeri. La sfida si preannuncia aperta, perché se da un lato la Juve è ancora da considerarsi un malato in fase di riabilitazione (il gioco latita), il Palermo alterna un ruolino di marcia da scudetto tra le mura amiche (dov'è ancora imbattuto) a una cammino da zona retrocessione fuori casa, dove ha raccolto solo 13 dei suoi 40 punti. La Juventus sarà fra l'altro stanca dall'impegno infrasettimanale di Europa League contro l'Ajax, ma l'impressione è che il fattore campo possa essere fatto valere contro questo Palermo double – face che, se riuscirà a risolvere il mal di trasferta, potrà lottare sino alla fine per un posto tra le grandi d'Europa. Zaccheroni per l'occasione riproporrà la classica coppia Del Piero – Trezeguet con Diego alle spalle, mentre il Palermo si affiderà all'estro di capitan Miccoli supportato dai giovani e talentuosi sudamericani Cavani e Pastore.

L'aria sarà senza dubbio più tesa allo Stadio Olimpico di Roma, dove la pericolante Lazio di Edy Reja cercherà di staccarsi dalla zona pericolosa affrontando però uno degli avversari meno indicati al momento: la Fiorentina, infatti, è schiumante di rabbia per i torti arbitrali subiti in serie (Bayern in Champions League e Milan in campionato) e, a parte tutto, sembra stia ritrovando una discreta continuità di rendimento, grazie anche al ritorno al gol di Gilardino. In casa biancoceleste tiene banco l'ennesimo ballottaggio tra Rocchi e Zarate su chi dovrà affiancare Floccari in avanti (il primo è favorito), nell'undici viola Prandelli dovrebbe rilanciare Bolatti e Zanetti a centrocampo, con Marchionni spostato in avanti con Jovetic a fare da supporto al bomber Gilardino.

Sempre più intricata la lotta per la salvezza, che vedrà questo weekend incroci "0pericolosi" come quello tra Livorno e Siena, con i bianconeri toscani (17 punti) probabilmente all'ultimo treno utile per agganciare il treno salvezza e gli amaranto(23 punti, terz'ultimo posto)  costretti loro stessi a vincere; il Catania di Mihajlovic  (24) potrà godere di uno stadio Massimino tutto esaurito per provare a tornare a vincere in casa contro un Bari in acque decisamente più tranquille, mentre il Parma di Guidolin (2 punti nelle ultime 7 partite) proverà ad invertire un pericolosissimo trend negativo contro una Sampdoria priva del suo parco attaccanti: Pazzini e Pozzi sono squalificati, Cassano è ancora in fase di recupero. Completano il quadro Genoa - Bologna e Chievo - Cagliari.
 
 

Novita'  Vuoi Commentare l'Articolo? Accedi al portale o se non hai il login Registrati


Ogni opinione espressa in questi commenti e' unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilita' civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato.L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Hot-News.it manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

Sconti e Offerte

Risparmi, Sconti, OfferteVuoi risparmiare sui tuoi acquisti? Offerte, Sconti, Codici Sconto, LastMinute e tanto altro ancora solo per te!

Ads

Le HOT News!

 

Vuoi Guadagnare e fare Affari!?

 Vuoi guadagnare e fare affari con internet?! Scopri come ogni giorno puoi, con soli 5 mi...

 

Dediche d'Amore

Dedica al tuo Lui o alla tua Lei parole d'amore...Hot-News.it pubblicherà la tua dedica ...

 

Dì la tua! Pubblica un tuo articolo!

Diventa reporter di Hot-News.it! E' facilissimo! 2 secondi e potrai veder i tuoi articoli ...

Chi è Online

Visitatori Online  602 visitatori online

Statistiche Visitatori

mod_vvisit_counterOggi1559
mod_vvisit_counterQuesto mese120005
mod_vvisit_counterTotale13499191


forum, portale, soundtrack, hotnews, hot news, notizie, videogiochi, ps3, xbox, shop, compra, prezzi, gossip, donna, rss, calcio, mondo, lavoro, musica, calciomercato, voti fantacalcio, probabili formazioni, uomini e donne, amici, maria de filippi