Hot-News.it

il portale hot con notizie da tutto il mondo!

Scegli Lingua : Hot-News.it in italiano Hot-News.it in inglese Hot-News.it in spagnolo Hot-News.it in francese Hot-News.it in tedesco Hot-News.it in giapponese Hot-News.it in arabo
Login With Facebook
Sabato
Lug 20
Messaggio
Hot-News.it Ultime news News Le madri che uccidono
15
Giu
2010

Le madri che uccidono




La condizione di "essere madre" comporta sempre un forte investimento affettivo, come non accade per alcuna altra condizione psicologica, per cui la madre è capace di un grande, grandissimo amore, che può arrivare fino a comprendere il sacrificio. Tuttavia la stessa condizione di "essere madre" potrebbe arrivare a generare anche un grande e violentissimo odio, per cui una madre può arrivare perfino ad uccidere il proprio figlio. La Hot News

"Essere madre" in ogni caso non protegge la donna dalla possibilità di far male al proprio bambino e questo viene confermato da numerose statistiche pubblicate sia negli Stati Uniti (secondo dati resi disponibili dall'FBI) che in Inghilterra. Secondo le statistiche criminologiche elaborate dall'FBI solo in due situazioni delittuose le donne commettono crimini in maniera prevalente rispetto all'uomo: nel taccheggio e nel figlicidio.Mentre in Italia si discuteva del caso di Cogne e del piccolo Samuele, negli Stati Uniti l'opinione pubblica era presa dal caso di Andrea Yates, una donna di 37 anni che aveva affogato, uno dopo l'altro, i suoi cinque figli. La motivazione delirante che la Yates aveva offerto al processo era che "volevo salvare i miei figli dai raggi viola degli extraterrestri". Le è stata diagnosticata una schizofrenia che molto probabilmente le permetterà di evitare la pena di morte, in quanto la donna è chiaramente inferma di mente. Da molto tempo negli Stati Uniti il fenomeno delle madri che uccidono sta occupando le pagine della cronaca ed è stato quindi molto studiato dagli investigatori. In occasione dei vari processi gli psicologi forensi hanno molto scavato nel passato di queste donne, cercando di comprendere la motivazione interiore di questi gesti estremi. Alcuni studi effettuati dagli esperti dell'FBI sono arrivati alla conclusione che le madri che arrivano ad uccidere i propri figli sono state a loro volta "violate nel corpo e nell'anima" sia da piccole che da adolescenti. Queste donne non ricordano né i fatti violenti che hanno subito né i violentatori. Pur avendo rimosso dalla memoria questi tragici eventi, tuttavia arrivano a ripeterne inconsapevolmente le gesta. Si è osservato inoltre che se quando erano piccole nessuno ascoltava il loro pianto, loro troveranno intollerabile ed insostenibile il pianto del figlio, in quanto rievoca una loro antica e profonda angoscia. Sotto stress ed in occasione di forti emozioni queste donne manifestano un forte bisogno di qualcuno vicino che le faccia uscire dall'isolamento e che prevenga i possibili violenti gesti impulsivi.

Indipendentemente dalla natura degli eventi passati, queste madri arrivano ad uccidere i loro figli in base a sei tipi diverse di cause scatenanti:

  1. la schizofrenia paranoidea - è una patologia psichiatrica che si manifesta nelle donne in un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni (fascia d'età in cui una donna è alle prese con dei bambini piccoli), con delirio, allucinazioni e disturbi del comportamento (facile aggressività e violenza);
  2. la depressione post-partum - è una depressione che si manifesta nel 10-15% delle puerpere, nelle prime quattro settimane dopo il parto, con i sintomi tipici della grave depressione maggiore e con deliri ed allucinazioni dai contenuti aggressivi ed accusatori contro di sé e contro il bambino;
  3. i disturbi dissociativi - fra questi rientrano ad esempio l'amnesia dissociativa, per cui queste mamme si ritrovano ad effettuare sul bambino atti violenti che esse hanno subito senza ricordarli; oppure si tratta di uno stato di profonda dissociazione dell'identità, come avviene classicamente in una personalità multipla;
  4. la sindrome di Munchausen per procura - questa sindrome è considerata un disturbo "fittizio" in cui i sintomi sono creati dalla mente della persona per ottenere dagli altri attenzione e considerazione; la forma per procura riguarda il commettere, di nascosto, atti lesivi sul figlio per poterlo poi accudire e curare, acquisendo il ruolo prestigioso della salvatrice del bambino (molte malattie inspiegabili di bambini sono state comprese in ospedale ponendo delle telecamere nascoste, puntate sul letto del bambino, che hanno mostrato madri che avvelenavano, ferivano e maltrattavano i figli);
  5. l'omicidio compassionevole - viene generalmente effettuato nei confronti di figli gravemente e cronicamente ammalati e di cui non si accetta né si sopporta la malattia; l'omicidio ha lo scopo di porre fine alla propria sofferenza ed a quella del figlio e spesso si accompagna al suicidio o alla immediata confessione del delitto;
  6. il raptus omicida - avviene in genere per sfogo di rabbia, dopo accumulo cronico di frustrazione con liberazione improvvisa ed inaspettata di marcata aggressività; in questo caso si ha una perdita completa del controllo razionale sulle incontenibile ed esplosive pulsioni aggressive. Dietro queste situazioni si trova spesso un conflitto lacerante tra il dentro ed il fuori della personalità della madre: una esteriorità perfetta, come immagine pubblica, ed una interiorità malata, nel proprio privato domestico ed affettivo.

Cause per cui una madre uccide il proprio figlio:

  1. schizofrenia paranoidea
  2. depressione post-partum
  3. disturbi dissociativi
  4. sindrome di Munchausen per procura
  5. omicidio compassionevole
  6. raptus omicida

Psicologicamente il legame materno è un legame ambivalente molto forte nelle due polarità estreme: una madre può amare e prendersi cura del bambino (come una fatina buona) oppure può odiarlo fino ad ucciderlo (come una strega cattiva). Su questa ambivalenza sono state costruite quasi tutte le fiabe per l'infanzia in cui ad una persona malvagia si contrappone sempre una vincente e rassicurante persona buona e protettiva. Il figlicidio è un delitto ricorrente nella storia, nei drammi teatrali (come in Medea), nella letteratura e nel tessuto popolare (a Milano c'è il detto per cui una madre del figlio può dire "mi l'ho fà, mi el disfi"). In tutti noi la notizia di un figlicidio ha una forte risonanza emotiva. Arriva a scuotere la coscienza in ogni persona, in quanto o è un genitore oppure è un figlio. Il pensiero di un genitore che uccide il proprio figlio rievoca fantasie, sogni e paure che tutti abbiamo vissuto in un momento molto delicato della nostra crescita psicologica e che viene definito come "crisi edipica". Nella fase edipica, intorno ai 4 - 5 anni di età, si vive un forte conflitto tra il figlio ed un genitore e questo conflitto si accompagna con fantasie di morte in grado di provocare forti vissuti di angoscia, di colpa e di odio. Sono sentimenti molto potenti che non verranno più scacciati dalla mente e che riaffioreranno per tutta la vita dietro ogni stimolo, situazione o notizia in grado di ricordare o richiamare qualcuno degli elementi caratteristici di questa fase.Il conflitto tra la madre ed il figlio che evolve nell'uccisione del figlio può riguardare tre tipi di situazioni, così come vengono riportate dalla cronaca:a - la madre uccide il figlio e si uccideb - la madre uccide il figlio e confessac - la madre uccide il figlio e dimentica

Gli episodi di omicidio-suicidio e quelli in cui il genitore viene subito dopo colpito dal rimorso e si costituisce alla polizia, sono delle situazioni subito chiare ed evidenti agli investigatori e che non rappresentano alcuna difficoltà interpretativa e valutativa. Molto più difficile e complesso è il caso in cui la madre uccide e dimentica. Nella situazione in cui uccide e dimentica si ha che il delitto, in genere per raptus omicida, non viene accettato dalla coscienza e quindi viene immediatamente rimosso dalla parte consapevole della mente. La madre nega, con convinzione, anche a se stessa e di fronte anche ad ogni forma di evidenza. Se ricordasse il proprio delitto, la coscienza la spingerebbe al suicidio. Spesso questo accade nella forma di uccidere per raptus ed il dimenticare viene facilitato dallo stato di forte emotività, di cieca violenza, in cui viene commesso il delitto. Dietro questo tipo di delitto si ha un accumulo nel tempo di insofferenza verso il bambino, di rifiuto della sua gestione, di sentimenti ostili contro quello che è e che fa, e con una marcata rabbia repressa dentro di sé. Alla fine, quando il gesto viene compiuto, non c'è un movente adeguato che possa spiegarlo e giustificarlo. E' la classica goccia che fa traboccare il vaso, come ad esempio il pianto ininterrotto o immotivato del bambino, la pipì addosso, la minestra sputata, ... già riempito da settimane, mesi o anni di repressione emotiva. In quel momento, quello dello sfogo liberatorio, il bambino viene sentito non come un figlio, ma come lo stimolo di una minaccia e di una persecuzione non ulteriormente sopportabile.Le mamme che uccidono e dimenticano sono donne che idealizzano molto se stesse, il loro figlio ed il loro legame. Si presentano come mamme perfette di un figlio perfetto e con un legame perfetto. La ricerca di perfezione nasconde sempre una marcata intolleranza del diverso e dell'imperfetto. Negano ogni forma di sentimento negativo od ostile e giocano alla apparente madre perfetta, tuttavia solo interpretando, senza sentirlo, il ruolo di madre comprensiva, amorevole e tollerante. Spesso si crea un circolo vizioso con la madre che esteriormente è perfetta agli occhi di tutti, ma che dentro di sé rifiuta psicologicamente il bambino. Ed il bambino, che sente ed intuisce in qualche modo il rifiuto e l'ostilità della madre, ci sta male e mette in atto proprio quei comportamenti di pianto, di ribellione e di rifiuto del cibo che non fanno altro che amplificare il rifiuto della madre fino al gesto estremo dell'omicidio del piccolo.Si rompe così, traumaticamente, quella simbiosi che fin dai primi giorni lega la madre ed il bambino, facendolo sentire non come un qualcosa di autonomo, bensì come una parte di sé (su cui la madre può fare e disfare a proprio piacimento). La simbiosi madre-figlio, necessaria nelle prime fasi di vita del bambino, deve risolversi spontaneamente e gradualmente. Quando il piccolo, crescendo e differenziandosi, viene percepito dalla madre come "altro da sé" e quindi come un essere autonomo, differente da lei, possiamo considerarlo fuori pericolo. Una "madre normale" non è mai soddisfatta del proprio figlio, sa riferire sempre molti motivi per cui si ritrova ad avercela contro il piccolo, tuttavia sceglie di accettare la diversità del figlio e di non fargliela pagare.

[...Leggi Tutto]

 

 
 

Novita'  Vuoi Commentare l'Articolo? Accedi al portale o se non hai il login Registrati


Ogni opinione espressa in questi commenti e' unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilita' civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato.L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Hot-News.it manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

Sconti e Offerte

Risparmi, Sconti, OfferteVuoi risparmiare sui tuoi acquisti? Offerte, Sconti, Codici Sconto, LastMinute e tanto altro ancora solo per te!

Ads

Le HOT News!

 

Vuoi Guadagnare e fare Affari!?

 Vuoi guadagnare e fare affari con internet?! Scopri come ogni giorno puoi, con soli 5 mi...

 

Dediche d'Amore

Dedica al tuo Lui o alla tua Lei parole d'amore...Hot-News.it pubblicherà la tua dedica ...

 

Dì la tua! Pubblica un tuo articolo!

Diventa reporter di Hot-News.it! E' facilissimo! 2 secondi e potrai veder i tuoi articoli ...

Chi è Online

Visitatori Online  395 visitatori online

Statistiche Visitatori

mod_vvisit_counterOggi5655
mod_vvisit_counterQuesto mese119005
mod_vvisit_counterTotale12643310


forum, portale, soundtrack, hotnews, hot news, notizie, videogiochi, ps3, xbox, shop, compra, prezzi, gossip, donna, rss, calcio, mondo, lavoro, musica, calciomercato, voti fantacalcio, probabili formazioni, uomini e donne, amici, maria de filippi