Hot-News.it

il portale hot con notizie da tutto il mondo!

Scegli Lingua : Hot-News.it in italiano Hot-News.it in inglese Hot-News.it in spagnolo Hot-News.it in francese Hot-News.it in tedesco Hot-News.it in giapponese Hot-News.it in arabo
Login With Facebook
Venerdi
Lug 19
Messaggio
Hot-News.it Ultime news News La violenza domestica non è unilaterale
20
Giu
2010

La violenza domestica non è unilaterale




Alcuni anni fa, una donna arrivò a casa dal lavoro a Saskatoon e trovò il marito, che aveva evidentemente trascorso la giornata a bere, irritato dal loro bambino capriccioso. La donna insistette che aveva bisogno di riposare prima di cena. Si svegliò trovandoselo addosso, furioso, mentre brandiva un coltello da cucina che usò per ferirla all'addome.La Hot News Sanguinante, terrorizzata, riuscì a chiamare il 911. La polizia arrivò in pochi minuti. Esaminarono la sua condizione, parlarono al marito e poi, attenendosi a linee guida mai esplicitate - ma ormai potentemente istituzionalizzate, utilizzate nella routine di questi casi - arrestarono ... lei.

Nonostante la sua ferita, trascorse la notte in una cella in prigione, per essere rilasciata il mattino successivo. Così com'è, questa storia non ha senso, ed infatti avrebbe suscitato l'indignazione nazionale se fosse tutto vero. Ma deliberatamente ho fuorviato il lettore su un particolare: nella storia reale - non affatto l'unica negli archivi della polizia - i sessi erano invertiti: l'uomo arriva a casa dopo un turno di 12 ore; la madre del bambino è ubriaca; l'uomo si corica; la donna inferocita lo pugnala; la polizia non prende sul serio le ferite dell'uomo, accetta la spiegazione della donna - probabilmente legittima difesa - ed arresta l'uomo.

Purtroppo, tale pregiudizio di Genere nel sistema giudiziale è la norma, non l'eccezione. Nei casi di violenza domestica viene applicato un doppio standard per uomini e donne - così come nel diritto di famiglia, che include l'assegno di mantenimento e la custodia dei figli - standard diventato comune in molte società occidentali negli ultimi 25 anni. E nonostante un flusso crescente di inconfutabili dati statistici in senso contrario, persiste il mito che solo le donne siano vittime di violenza domestica.Lo stereotipo che gli uomini - non provocati - aggrediscono di proposito le donne, e mai il contrario, è così radicato nella retorica pubblica che i partecipanti alle ricerche sulla violenza domestica - non solo i profani ma anche gli specialisti, operatori sanitari - davanti ad uno scenario in cui un partner abusa di un altro, percepiscono come aggressione solo quella in cui l'aggressore è identificato nel maschio.

La realtà, confermata da ricerche indipendenti e da StatsCan [Ente Statistico del Canada], è che le donne commettono atti più gravi di violenza domestica e più frequentemente degli uomini. In tutti i tipi di rapporti, le femmine sono unidirezionalmente più violente rispetto a partner maschi non violenti. Nella violenza domestica le donne colpiscono per prime più spesso degli uomini (nella nostra società gli uomini sono condizionati a non colpire per primi) e, contraddicendo un pensiero consolidato, la paura dei loro partner maschile [difesa] è raramente un fattore propulsivo tra le donne violente. In realtà, le vittime di violenza domestica, siano maschi o femmine, presentano pari livelli di paura in ambienti di "terrorismo intimo".

Naturalmente, ci sono maltrattatori maschi di donne passive - circa il 3% all'anno, molto meno rispetto a quanto indicano gli studi distorti dei gruppi femministi. Ma, nonostante i casi di sensazionalismo, l'omicidio dentro la coppia, perpetrato da entrambi i sessi, è estremamente raro. Così come le molte madri e padri che maltrattano i loro figli, da soli o in tandem, e le molte più donne rispetto agli uomini che uccidono i figli.

È interessante notare che, la violenza domestica si verifica più spesso nei rapporti tra lesbiche che in rapporti eterosessuali, confermando l'opinione che sono le dinamiche del rapporto, e non il sesso, il carburante della violenza. Oneste ricerche puntano ad una norma di "accoppiamento assortativo": la propensione alla violenza tende a scovare la controparte per l'attuazione del comportamento anti-sociale.

Eppure il nostro governo, i nostri servizi sociali e la nostra magistratura prescrivono rimedi basati su una falsa e semplicistica visione, che nega non solo la violenza nata senza provocazioni commessa dalle donne nelle relazioni, ma il numero e la gravità delle aggressioni esercitate da entrambi i partner in coppie in cui entrambi sono violenti.In effetti, bisogna sottolineare come nessun altro àmbito della società abbia un'evidenza così debole e distorta - a sostegno della prassi e del mandato attuati dall'assistenza sociale, dalla giustizia penale e dalla sanità pubblica - com'è quella in atto sulla violenza domestica. Il modello di "trattamento" della violenza domestica, che scaturisce da questa falsa comprensione, non è il tipo di terapia che può portare vantaggio agli autori di violenza, siano questi maschi o femmine. Invece, il nostro sistema preferisce "l'intervento" - contro gli uomini, mai contro le donne - e "l'educazione psichica" secondo un modello di modificazione del comportamento che, in sostanza, mira ad inculcare il punto di vista femminista radicale.

Qual'è l'origine della discriminazione tra i sessi? L'ideologia. Il femminismo radicale insiste sul fatto che gli uomini - tutti gli uomini - per loro natura, perseguono il potere ed il controllo a loro proprio vantaggio. Risultato: siamo tutti coinvolti nei miti della politica di Genere. Così, quando un maschio folle, con una pesante storia personale, spara contro donne, tutti ce ne rammarichiamo. Ma quando una donna vendicativa taglia il pene ad un uomo, ciò diventa materia per comici, mentre lei viene salutata come simbolo dell'emancipazione femminile.La violenza domestica è un problema grave della nostra società. Affrontarlo demonizzando un sesso e vittimizzando l'altro, è un insulto all'integrità scientifica, un ostacolo alla riabilitazione, un forte fattore che contribuisce in modo arbitrario a rovinare molte vite, ed una macchia vergognosa nella storia dei diritti umani. Don Dutton è professore di Psicologia presso l'Università della British Columbia ed autore di "Ripensare la violenza domestica"

[...Leggi Tutto]

 
 

Novita'  Vuoi Commentare l'Articolo? Accedi al portale o se non hai il login Registrati


Ogni opinione espressa in questi commenti e' unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilita' civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato.L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Hot-News.it manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

Sconti e Offerte

Risparmi, Sconti, OfferteVuoi risparmiare sui tuoi acquisti? Offerte, Sconti, Codici Sconto, LastMinute e tanto altro ancora solo per te!

Ads

Le HOT News!

 

Vuoi Guadagnare e fare Affari!?

 Vuoi guadagnare e fare affari con internet?! Scopri come ogni giorno puoi, con soli 5 mi...

 

Dediche d'Amore

Dedica al tuo Lui o alla tua Lei parole d'amore...Hot-News.it pubblicherà la tua dedica ...

 

Dì la tua! Pubblica un tuo articolo!

Diventa reporter di Hot-News.it! E' facilissimo! 2 secondi e potrai veder i tuoi articoli ...

Chi è Online

Visitatori Online  399 visitatori online

Statistiche Visitatori

mod_vvisit_counterOggi1056
mod_vvisit_counterQuesto mese118005
mod_vvisit_counterTotale12629666


forum, portale, soundtrack, hotnews, hot news, notizie, videogiochi, ps3, xbox, shop, compra, prezzi, gossip, donna, rss, calcio, mondo, lavoro, musica, calciomercato, voti fantacalcio, probabili formazioni, uomini e donne, amici, maria de filippi